1968



La vecchia e asmatica Fiat 1100Familiare sbuffava come una caffettiera e
sferragliava come un treno merci, Sembrava tenuta insieme dalle mani dell'autista
che stringeva il volante.

Ad ogni accelerata usciva un rantolo dalla marmitta posteriore ed anche un
preoccupante fil di fumo. Il casello autostradale della Camionale era ormai
alle spalle

 "Belin ! FÔiemo 'na bella gita! - disse lui tutto soddisfatto mentre
entrava nella prima  buia galleria, accodandosi ad una preoccupante teoria
di ballonzolanti autotreni..

La giovane donna, seduta di fianco all'autista, la mano sinistra artigliata
quasi sul freno a mano e la destra a formare quasi un tutt'uno con la
maniglia posta sopra la portiera, disse qualcosa in risposta

ma il frastuono che produceva la colonna dei camion, amplificato dalla
galleria, impediva una regolare conversazione. Prov˛ ad accendere l'Autovox

 
e sintonizzarsi su una stazione. Manovra pericolosissima e inutile, in
galleria, Ne ricav˛ una leggera sbandata , un gracidio e un urlaccio della
donna : " Abbelinou !Ammia  a stradda ciuffito. Ma no ti o sŠ che lungo a
Camionale no se sente ninte.. Tý pensa a-a guidda che a mette un po' di
muxica ghe  penso mý.  La giovane donna  rovist˛ nel portadischi a
fisarmonica e, proprio alla fine della galleria, si ritrov˛ con il 45 Help
dei Beatles che infil˛ nella fessu
ra del Mangiadischi portatile. " Brava !

Esclam˛ lui," questa muxica a me carega! "  e fece scattare la freccia di
sinistra per segnalare la sua intenzione di sorpassare. Ma la corsia del
sorpasso era una lunga teoria di auto che sfioravano i fianchi degli
autotreni incolonnati sulla destra che ondeggiavano pericolosamente nelle
strette curve. Finalmente trov˛ un varco e con una accelerata spasmodica,
che produsse una nuvola di fumo grigiastro, si gett˛ a capofitto mentre Help
s'inceppava, come al solito, vinto da un sobbalzo del manto stradale
sconnesso e dalle curve. I 45 giri di Celentano, Little Tony, Paula Anka
,Neil Sedaka e Cliff Richard si sparsero ai piedi della donna. " Ma, pe
tutte e Madonne ! " esclam˛ lui " Coscý ti mei arrighi tutti ! No se ne
sarva mŰzo !"

" No me piaxe o t˛ lenguaggio da portuale " e poi no corrţ, no ti o l'Ŕ
Fangio,!".

La miniatura di una Madonnina incastonata in un  rettangolino di plastica
con su scritto :

"Non Correre " in bella mostra sul cruscotto,  sembr˛ guardarlo storto sia
per la velocitÓ che per la mezza bestemmia.

" E che c÷sa ho dţto mai ?!" Solo Pe tutte e Madonne ! "  'n'invocazion ! "

La donna tolse Help e ne infil˛ uno a caso .: I Nomadi cominciarono a dire ,
dopo una pausa piena di sfrigolii : " Dio Ŕ morto, nelle auto prese a rate,
nei miti dell'estate..."

La voce acuta ma implorante, di un bimbo di quattro anni provenne dai sedili
posteriori :

" Belin, , voglio sentire Zorro, Petuttemadonne! "

La sorellina di nemmeno due anni fece eco : "tutemadone , tutemadone "

Ma come ?  Si erano appena addormentati .......prima del casello.......

.Da allora abbiamo cercato di non lasciare in ereditÓ altre bestemmie a
figli e nipoti.

Porcaputtana !
                                                                                     Sergio Marini


Per la traduzione dei dialoghi da Genovese in Italiano cliccare qui