LA PANCHINA SPARITA

..ancora pochi metri e poi potrò prendere fiato seduto sulla mia panchina preferita ( se non già occupata, come a volte è

capitato )........Ahhhhh.....Al posto della panchina due uomini in tuta arancione stanno stendendo tutto in giro un nastro segnaletico. " La mia panchina ! " la mia voce è un rauco grido di disperazione.
I due uomini nemmeno si voltano, proseguono il loro lavoro, sistemano una transenna dove prima era la panchina e uno dice all'altro : " Andiamo a levare la prossima " LA PROSSIMA ? MA CHE STA SUCCEDENDO ? urlo. Si girano contemporaneamente verso di me con un'espressione di meraviglia dipimta sul loro viso e quasi in coro : " Ma come ? Non sa che, a causa dei vandali che le imbrattano e le distruggono, e dei barboni che ci bivaccano, il Comune ha deciso, come rimedio, di togliere TUTTE ? " Sono frastornato, impreparato ad una notizia del genere, mi agito....scalcio.....MI SVEGLIO  !!!!!.....Era solo un brutto sogno......ma sarà mica premonitore ? Non resisto...devo andare a vedere di persona.......

Ora sono qui, seduto sulla panchina, ancora umida per la pioggia caduta durante la notte, avvolto dal canto degli uccellini, le mani artigliate sulle assi nel timore che non sia stato un incubo . Se mai fosse vero dovranno portarmi via con lei : la MIA panchina.

 


TORNA  A HOME