BELIN


 

Se te succedi comme a m

d'attrovte foresto all'avventa

e in te 'na nggia triste cammin

pe poi in te 'na sgoma sconoscia

d 'na secca facci

'na certa parolla te vegni da d,

quella che a f parte da  lengua abitale,

quella che a dla ( dixan ) 

che se passe p'en portale

e che in to vocabolio st a signific :

" Un taggio da 'na chuscia, vixin a-a ca, de 'na bestia da maxell. "

Ma pe f  'na bella figa

no ti di a parolla do taggio vixin a ca

ma n'edcou : " Excuse me ! "

E se a risposta a sai

( L' capitou a m ! )

" n Belin  ! "

A Zena ti te senti ci vixin

e d'in ta nggia ti veddi spunt : 

de Caignan i du campanin,

a Lanterna  contro o e o m,   

a desteiza grixa  d' abbn di teiti, 

i incroxi di  caroggi streiti streiti,

o porto davanti a Caricamento

e ti te senti  n zeneize contento 

de sent o t parl strannio

lontan da casa semenu  in go.

 

Sergio Marini

 

Traduzione in lingua italiana :

BELIN : Se ti succeder come a me / di trovarti straniero  all'avventura/  e in una nebbia triste camminare /per poi in una sagoma sconosciuta / dare una secca facciata / una certa parola  ti verr da dire / quella che fa parte della lingua abituale / quella che a dirla ( dicono ) / si passi per un portuale / e che nel vocabolario  sta a significare : " un taglio da una coscia,vicino alla coda,  di una bestia da macellare " / Ma per fare bella figura / non dirai la parola  del taglio vicino alla coda /   ma un educato " Excuse me " / E se la risposta sar / ( capitato a me ! ) / " Un cazzo  ! "   / a Genova ti sentirai  pi vicino / e dalla nebbia vedrai spuntare : di Carignano i due campanili /La Lanterna contro il cielo e il mare / la distesa grigia di ardesie dei tetti /  gli incroci dei  vicoli stretti stretti /   il porto davanti a Caricamento / e ti sentirai un genovese contento / di sentire il tuo parlare strano / lontano da casa seminato in giro .

Sergio Marini