ACQUISTI PRE NATALIZI

 

La dolcemetà vuole fare un giro pre Natalizio nei vari Ikea, Unieuro,Aquilone, Mercatone e lo vuol fare di Domenica.
Dico : Ma siamo due pensionati, possiamo andarci quando ci pare, perchè alimentare la bolgia ? Ti piace farti strattonare ?
Ci godi a farti pestare i calli ? - Hai la sindrome della pecora ?  Niente. Lei deve comperare una piccola abat jour e niente la smuove.
Quindi se domenica scorsa avete visto, intorno alle sei del pomeriggio un tizio con la bava alla bocca compiere il periplo del parcheggio del mercatone almeno quattro volte prima di parcheggiare la scatoletta di latta e avete notato il tizio in questione arrancare penosamente dietro ad una arzilla signora, quello ero io e lei era lei, la dolcemetà, entrambi provenienti da  altre esplorazioni che ci hanno fruttato solamente saune colossali e  contatti rugbistici con quasi tutta Genova, ....................Ma niente abat jour.
Al Mercatone, zig zagando seguendo il  contorto percorso imposto guidati da una freccia gialla come fosse la stella cometa, capitiamo nel reparto lampadari e lì la dolcemetà trilla felice come e più  del giorno del matrimonio, si tuffa alla ricerca dell' abat jour fra mille articoli e riemerge con il suo tesoro. Ha finalmente raggiunto il suo scopo ed ora, rilassata, si dà alla pazza gioia:

Così una tazza blù, un'oliera in finta arte povera, una saponetta a forma di giraffa, una confezione gigante di  bagnoschiuma alle alghe secche (credo)
tre metri di tovaglia di plastica con le paperelle, un orrendo zerbino di gomma natalizio, due grossi pacchi di carta igienica, tutto confluisce nel cesto giallo e  poi ci mettiamo disciplinatamente in fila aspettando pazientemente il momento in cui i miei euro passeranno nelle casse del Mercatone.

 Malgrado la gran baraonda becchiamo una coda che sfila veloce trafitti dagli sguardi invidiosi di chi pena in altre code. Dieci interminabili  minuti dopo siamo al cospetto di una distrutta cassiera che tocca gli acquisti che gli passano sotto il naso con aria schifata.
Sembra una catena di montaggio, io spingo gli oggetti verso di lei, lei li passa ai raggi X e, ultimo anello della catena, la dolcemetà che li eclissa in un grosso sacco di  plastica. In mezzo al caos  più totale svuoto il portafoglio e finalmente guadagniamo l'uscita, Io quasi rantolante, bisognoso d'ossigeno, la dolcemetà con l'aria a metà tra il trionfante e il sofferente di chi ha appena scalato il K2.

Vi risparmio la parte del ritorno a casa altrimenti facciamo notte fonda e passiamo direttamente al momento in cui la dolcemetà affonda le mani nel
bottino per estrarre trionfante l'abat jour come fosse la Coppa dei Campioni...........................................credetemi, non me lo sarei perso  nemmeno se mi avessero offerto di scambiare la moglie con Miss Italia. L'ABAT JOUR NON C'E' !!!!!!!!!!
La dolcemetà si tuffa nel sacco, semina tutti gli oggetti sul divano,  lo rovescia come un pedalino. Niente ! L'abat jour è scomparsa ! Naturalmente
la cara dolcemetà non ha dubbi e mi incolpa " Donde ti l'è missa ? "
Ed io : " Mi contavo e palanche da dagghe . T'ei tì che che ti metteivi
tutto in to sacco comme a Befana !!"
Si fa silenziosa. Ha l'aria smarrita. : " E oua ? - riesce a dire
" E oua e oua !! " faccio eco. " doman mattin, con carma, retorniemo là e se gh'emmo 'na botta de cù ne l'avian missa da parte.
In caso conträio paçiensa ! Ne accattiemo n'atra. " Mi guarda perplessa. " S' a gh'è a gh'è , se a no gh'è lascemmo perde. Tanto a no me piaxeiva ! "

Poi si legge sul giornale " Marito strangola moglie preso da improvviso raptus ".............................." I vicini di casa dichiarano increduli : Una coppia perfetta.Mai un litigio,Chi poteva  mai sospettare "........

Per la cronaca. Siamo ritornati e l'abbiamo recuperata. Se l'era dimenticata subito dopo la cassa, non era mai finita nel sacco


Sergio Marini - 8.12.2007
 

                                                                                                                                                                                                                                                                      


Torna a Home                      vai a:VIVERE ZENEIZE                              per la traduzione dei colloqui dal Genovese all'Italiano