GENOVA ROSSOBLU’

 ( FINE CAMPIONATO DI CALCIO SERIA A – 2008 . 2009 )

 

I prati all’inglese di Villa Serra erano disseminati di famiglie che trattavano l’erba come fosse sabbia. Una spiaggia verde, ognuno con il proprio asciugamano a delimitarne il momentaneo possesso. Erano le quindici e il sole di maggio picchiava già forte ma, a mitigare il caldo, i secolari alberi offrivano protezione e frescura, così come la serena visione del laghetto e i regali cigni con nuova prole a navigarci dentro assieme alle curiose tartarughe e alle chiassose papere. Il comportamento, all’interno delle famigliole umane, aveva un qualcosa di strano : molta fauna maschile sembrava persa in un altro mondo, le orecchie adorne di sottili auricolari che terminavano in modernissimi gadget da taschino, quasi invisibili.

Stavano lì, nelle posizioni più varie, con lo sguardo vitreo, mentre i bimbi zampettavano per ogni dove, salivano sugli alberi, si accapigliavano tra loro,che a tenerli sotto un minimo di controllo era la fauna femminile sempre più esasperata.

Questo fino alle sedici e quarantacinque, quando, come ad un segnale convenuto, i maschi si tolsero gli auricolari assumendo l’espressione beata di colui che vede davanti a se una parata di belle figliole o un fumante piatto di trenette al pesto.

Una coppietta ,sdraiata all’ombra di un salice con una radiolina che gracchiava loro accanto. proprio mentre la voce entusiasta di un noto radiocronista locale urlava “ E’finita!!! è finita !!! Il Genoa è in Europa !!! “ si scambiò un bacio e da un gruppetto lontano, proprio al centro del gran prato, spuntò una bandiera mezza rossa e mezza blù. e da lì un bimbetto, vestito di quei colori, cominciò a gridare a squarciagola  “ Genoa, Genoa “ correndo poi a comunicare la sua gioia in mezzo alle papere che continuarono imperturbabili a becchettare tra l’erba del prato .

Sergio Marini   31.6.2009


Ritorna a  Home                                     Ritorna a Genoa & Samp