LA RICETTA


Questa me l'ha raccontata a sciāCamilla che ne č venuta a conoscenza da Amelia la commessa del negozio di cibo per animali, informata a sua volta da Rebecca la volontaria della Protezione Animali che lavora al canile. Pare che Rebecca, nel riferire l'episodio, si sia pisciata addosso dal ridere, cosģ come Amelia. Pure la sciāCamilla ma lei, essendo semi incontinente, indossava un pannolone e ha .....limitato i danni.

Dunque :
 Rebecca ha un cane fantasia e , come regalo di Natale, ha preparato per lui delle amorevoli polpettine fatte in casa . Aveva appena finito di cucinare il cibo per il cane, tolto dal forno e messo sul ripiano della cucina - quando Concettina - la gattara - si presentava in visita per chiedere se aveva - tra i cani ospiti nel canile - un piccolo cagnetto tipo maltese che da qualche giorno era sparito e che lei tempo addietro aveva adottato scambiandolo per una gatto. (Sic ! ). Rebecca si era immediatamente attivata andando a telefonare al canile nella stanza accanto dotata di telefono , mentre Concettina aspettava in cucina in compagnia di Gionni , il cane fantasia abituato a non toccare cibo se non dato dalla Rebecca ( ma questo Concettina non lo sapeva ) . Il profumo e l'aspetto delle polpettine era invitante, quasi stordente e per la pingue gattara, affetta da attacchi di bulimia nervosa, diventava cosģ una irresistibile tentazione. Le polpettine erano tante, che male c'era assaggiarne una ?
La telefonata si prolungava e....una polpetta tirava l'altra......La Bulimia aveva ormai preso il sopravvento e quando Rebecca si presentava in cucina per comunicare il NO del canile, delle polpettine non ne rimaneva che una, solitaria. Allo sguardo stupito della Rebecca rispondeva la Concettina allargando le braccia :

 " E' stato il cane ".- Come confutare questa accusa se non si possiedono prove ?

 La Rebecca si rivolgeva allora verso Gionni che gironzolava nervosamente per la cucina come se sapesse di essere accusato ingiustamente :
" Gionni, Gionni, ma che figure mi fai fare ? Lo sai che devi aspettare che sia io a darti il tuo cibo ? Da domani solo crocchette, altro che polpette ! " .....una sapiente sospensione per scrutare di sottecchi il volto della Concettina che assumeva rapidamente i colori della bandiera italiana : sbiancava per poi diventare rossastro, fino a stabilizzarsi in un verde con annessa espressione di disgusto...... poi aggiungeva sadicamente, ben conscia di rigirare il coltello nella piaga :
" Se vuoi ti passo la ricetta : Prendi la pasta per cani ,avanzi di tacchino e fegatini di pollo , patate dolci e...... .....Ah, ma che stupida , questo č cibo per cani e tu sei una gattara......"
...............................................................................................................................................................Basta scrivere, mi sto pisciando addosso anch'io..................
Sergio BIBI Marini    dic.18


torna a home