LA SCELTA

 

Io e la Dolcemetà siamo ormai una coppia all’antica, di quelle classiche, delle barzellette, dove l’uomo legge il giornale spaparanzato sul divano e la donna spignatta in cucina o ronza intorno con scope e  spray antiacaro.

 In questo tipo di coppia l’uomo ha la convinzione di essere il dominante senza rendersi conto che è la donna a detenere il potere e a manovrare i fili.

 

 

Non sto leggendo il giornale ma scrivo pigiando sui tasti, davanti al PC.

Si presenta con l’irruenza d’un carrarmato : Ho fæto o tocco

e poi spara la solita, subdola domanda : “  Gasse, penne o spaghetti “ ?

Con la testa a quello che sto scrivendo rispondo : “ Fanni tì “

Ma lei insiste : Mai ‘na votta che ti piggi ‘na deçixon  !

Ormai ho perso la concentrazione.

Scelgo a caso : “ Spaghetti

Dolcemetà : “ Però ne restou pochi pe tutti e doì

Faccio spallucce : Allöa caccia e penne

Sparisce in cucina.

 

Davanti ad un piatto fumante di gasse al sugo di carne provo, timidamente,

a chiedere un minimo di spiegazione.

 

Ean a döse giusta. Coscì son finïe. E penne me toccava arvîne ‘n pacco.

 

Meno male che fa un sugo favoloso…………….

 

Sergio Marini   - 2007


Per la traduzione dei dialoghi dalla lingua genovese a quella italiana :