MINNI

A Sampierdarena, nei pressi del Forte Belvedere, incontro questa gatta cenerina che mi osserva sorniona dall'alto del vecchio muraglione dove era andata a rifugiarsi qualche minuto prima minacciata da un cane. Mi avvicino e Lei non fa una piega : continua a guardarmi senza mostrare alcun timore. La fotografo e tra uno scatto e l'altro si lascia accarezzare.  Accarezzare un gatto mi procura sempre un sottile piacere  e questa simpatica gattina si concede alla mia mano a lungo. Non smetterei mai. Noto che il suo naso reca i segni di recenti lotte e che al collo porta un collarino rosso e blų con campanellino. Non ci sono case nelle vicinanze ed č il periodo degli amori. Passa un uomo e domando se per caso la conosce. Vengo cosė a sapere che si chiama Minni, che proviene da non molto lontano e che i cani del circondario la temono. Un ultimo scatto, un'ultima carezza. Ciao Minni.