il mistero delle uova scomparse

 

la resa dei conti  ---   atto finale .

 

 

Me lo sento, siamo all'atto conclusivo : La resa dei conti si avvicina grazie ad un Autovelox modificato che mi è rimasto sotto le unghie proveniente da una fornitura per il Comune. I suoi impietosi scatti, puntati con millimetrica precisione sul pollaio, metteranno finalmente in evidenza la targa dell'avatar oviparo. Chiunque sia il malvivente non avrà scampo. Pregusto questo momento come fosse un lecca lecca. Ho già l'acquolina in bocca...


IL GIORNO DOPO :
Purtroppo ho visto cose che voi avatar non avreste mai potuto nemmeno immaginare.                                                                                                                                                                                                       Davanti ai miei occhi spalancati dall'incredulità si è materializzato il più misterioso dei misteri :                     

Ecco i novelli  Diabolik e Eva Kant sorpresi con le mani nel sacco, anzi nel cesto delle uova : Gigios & Liza mentre delinquono, lui con l'aria del burattinaio che manovra i fili  e lei , inequivocabilmente Liza,che  riconosco dalle inconfondibili smagliature sul seno e sulle cosce anche se si maschera con occhiali , parrucca, fondi tinta, cerone, creme e schifezze varie..

 So dove trovarli. Siamo o non siamo in SL ? E allora con un deciso e preciso Teleport  mi materializzo  implacabile in Via del Pomicio 69 con la preziosa prova in saccoccia e affronto, novello Ispettore Ginko, i due grassatori interrompendo le loro effusioni :


LIZA :" BUSSARE NO ? "  Io : "Busso come voi bussate al mio pollaio "  e poi parto con la filippica :

Tu Gigios sei peggio di Giuda. Quello si è venduto per una manciata di linden, tu per due uova alla coque ! “ Tu sei il mandante, sei un Ovicida !!!  E tu Liza, batteresti in volata anche Lucrezia Borgia nel cucinare crepes , omelettes, frittate,uova in camicia e zabaioni ,adoperando il sangue del mio sangue, anzi il sangue delle mie uova. .Sarete esposti al pubblico ludibrio dopo la Santa Inquisizione prima del taglio delle mani e, già che ci siamo, dei gomiti, indi la decapitazione e, tanto per essere certi della pena : Al Rogo !! “

Gigios ha un preoccupante sogghigno. Guarda la foto con fastidio. Replica : "Mi spiace che tu sia lì lì per alterarti, ma non è come sembra : Questa foto è la prova della nostra innocenza. Si vede chiaramente che Liza sta rimettendo il cesto con le uova nel pollaio mentre io sto controllando che la tua cana non le rubi di nuovo "

Allibisco .La mia cana ? Che c'entra Astra ? “                                                                                                                                                                                                                                                                             Gigios mi piazza sotto il naso le prove che non parla a vanvera.:      

Il mandante è Max, qui ripreso mentre minaccia Sonietta. E guarda il tuo bel galletto Gigetto come si distrae e si sollazza con Facciolovo  mentre Astra, fa finta di ronfare beata sulla tua amaca. E Pappa ? E' lui il basista. Sta informando Max che Kova ha appena fatto due uova. Tra poco Astra entrerà in azione   ”

e in quest'altra foto c'è ASTRA  con il Bottino.

Liza rincara : “Dimmi tu che differenza c'è tra la tua foto e le nostre . E ora che farai ? Porterai Astra nel lager di Marassi assieme ai suoi complici ?

Le mie certezze si stanno per sgretolare. Capisco che  mi stanno facendo fesso e non posso farci niente. Mi ronza nella testa un ritornello  " Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato ..scordammoce o passato.."

Mi consola il fatto che, come nelle migliori tradizioni di un giallo che si rispetti, una volta arrestato o incolpato il Serial Killer, anche se questo non confesserà mai, i delitti cessano misteriosamente.

E sono ormai parecchi giorni che ogni mattina riesco a bermi il mio agognato ovetto fresco, anzi ancora bel caldo..



Bibibosatu Clip

alias Sergio Marini

Genova Porto Antico . 19.5.2010    


 

Torna a casa