POSTA PRIORITARIA

 

Il 9 Agosto 07 càpito al Santuario di Montallegro assieme alla mia nipotina di sette anni.

 E' una bimbetta sveglia come quasi tutti quelli delle nuove generazioni, e conosce già alcune funzioni del PC.  Sotto il mio controllo ha già inviato e ricevuto e mail ma non si è mai cimentata con le Poste Italiane, non sapeva nemmeno che si può inviare una cartolina senza passare dalla tastiera. Scegliere una bella cartolina, scrivere di proprio pugno il destinatario e firmare sotto saluti e baci, incollare un francobollo ( posta prioritaria- notare) e imbucare nella cassetta postale anziché premere  " Invio" è stata per lei una nuova e divertente esperienza. Ha inviato cartoline a se stessa, alla vicina di casa, alla bisnonna, all'amichetta del cuore... e meno male che l'ho fermata altrimenti avrebbe mandato i saluti  in cartolina  anche al Papa. Insomma ho speso un piccolo patrimonio, ma non è questo il punto, perchè il suo impegno, il suo divertimento e l'apprendimento non hanno prezzo.

Per qualche giorno ha aperto con ansia la sua cassetta postale in attesa della " sua " cartolina ma....niente, solo inutili cartacce pubblicitarie. Quindici giorni, un mese, mille congetture sul mancato recapito. Una piccola inchiesta appura che anche gli altri destinatari han ricevuto nulla. Allora lei scriveva e mail alla amichetta del cuore " Oggi hai ricevuto la mia cartolina ? " e l'amichetta rispondeva, sempre per e mail, " Non ancora "
Aveva persino mandato, sempre via e mail - alcune foto della gita e ce n'era una - scattata da me - dove si vedeva Lei che imbucava sorridente e  fiduciosa le cartoline. E l'amichetta del cuore le aveva fatto pervenire, sempre via e mail, quelle della gita a Gardland.
Arriva il periodo natalizio e il venti di Dicembre la bimba mi trilla al telefono:" Nonno, è arrivata ! Finalmente è arrivata la cartolina ! Sì. proprio quella che mi ero spedita da Montallegro " e aggiunge " Anche alla mia amica, anche alla vicina, anche alla bisnonna . Forse i signori delle poste li avevano scambiati per auguri di Natale ".    Beata innocenza, del resto crede ancora - forse -a Babbo Natale......
 
Un giorno recente, ricordo perfettamente la data : 11.Gennaio.08, passeggiamo nel centro di Sestri Levante e davanti ad un negozio di souvenir mi indica  una cartolina fra le tante esposte e mi dice : " Questa mi piace. Invece di spedirla ce la portiamo direttamente a casa così stasera è già lì. Poi tu nonno, domani ne fai una copia e la mandiamo per e mail alla mia amica "

                                 Certo che per lei la delusione deve essere stata forte per arrivare da sola ad una conclusione così drastica!

                                                                                                                         Nonno Sergio        25.1.2008


Torna a Home                                                                                                                                                           Vai a Mugugni e Sorrisi