TRE  AGOSTO  millenovecentottanta

..................................................................................................

A frotte i pini sull'alta collina

gettano ombra al sole domenicale

profumando il risveglio della mattina

nell'appena agosto che giÓ sale.

Gode la pace delle vacanze attese

chi,da un anno intero se le sogna

ma oggi,oggi.oggi..............

e'arrivato nel tranquillo paese

il giornale del due agosto

e si legge di bologna.......

.................................................................

un ieri come oggi distrutto

da un'assurda bomba d'odio e male

e allora paiono stridere lutto

invisibili e maledettamente serie

acute ed assordanti le cicale

e l'agognata voglia di ferie

annega nel lago dell'angoscia

e non riesci piu' a respirare...

.........................................................................

a frotte i pini dell'alta collina

gettano ombra al sole domenicale

 profumando lo scorrere della mattina

nell'appena agosto che trasale.

 

 quassu' ristagna, come un nero velo,

la polvere asfissiante della vergogna

e muti domandano umidi occhi al cielo

perche' perchŔ orrore a bologna ?

............................................................................

Sergio Marini   ( Carro  3 agosto 1980  )

.............................................................................

TORNA A HOME  


vai  a  SerenitÓ  pag  29